Rocchi perché rovinare un match come questo? Prima un rosso tutto da capire poi cerca di "aggiustarla". Napoli ottima reazione ma quanti errori...

Rocchi da 2
03.03.2019 23:02 di Francesco Molaro Twitter:   articolo letto 28625 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Rocchi perché rovinare un match come questo? Prima un rosso tutto da capire poi cerca di "aggiustarla". Napoli ottima reazione ma quanti errori...

Non è facile commentare questa gara. Ci sono troppe cose incongruenti. Una gara condizionata da qualcosa che non c’è. Si il regolamento, ma anche Ronaldo che si lascia cadere e quindi simula potremo dire.. Qui dovrebbe avere la meglio il buon senso. Rocchi può andarla a vedere al Var e non distruggere una gara. Invece da il rosso, concede una punizione a Pjanic che è un rigore in movimento. Se sei 0-1 cosi nasce un altro match. La Juve poi raddoppia mentre il Napoli sta ancora pensando a cosa è successo. La gara sembra chiusa, la gara perde di credibilità. La ripresa è tutt’altra cosa. Il Napoli finalmente gioca. Rocchi incredibilmente, forse rinsavito, espelle Pjanic che tocca di mano e scatta il doppio giallo. Il Napoli spinge e chiude la Juventus nella sua trequarti. Ci provano un po’ tutti e il gol arriva con Mertens che trova Callejon in area. Il gol deve dare vigore alla squadra e ci riesce. Il pubblico del San Paolo prova a spingere la squadra che attacca, morde le caviglie di una Juve che in 10 sembra arroccata. L’occasione arriva, siamo quasi incredibile. Rocchi va al var chiamato da Irrati. I due forse provano a dare una sterzata alla gara e concedono il penalty. Dal dischetto Insigne sbaglia. Incredibile ma vero. Il finale non esiste. Si gioca con la morte nel cuore e il tempo passa e non c’è più nulla da fare. Finisce così. Finisce con tanto rammarico e con una delusione per non aver centrato almeno il pari. Ventesimo palo, ventesimo errore forse, ventesima giocata sfortunata. Cambiamo pagina. Tuffiamoci sull’Europa League e usiamo il campionato per allenarci e mantenere un meritato secondo posto.