Il paradossale consiglio di Mattarella alla Juve: "Aiutate gli arbitri nelle decisioni"

Così il Presidente della Repubblica
08.05.2018 18:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    vedi letture
Il paradossale consiglio di Mattarella alla Juve: "Aiutate gli arbitri nelle decisioni"
TuttoNapoli.net
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, parla dal Quirinale alla vigilia della sfida tra Juventus e Milan, finale di Coppa Italia. Dopo la consegna delle maglie con il nome del Presidente, ecco le sue dichiarazioni. "E' un piacere incontrarvi, domani sera purtroppo non sarò all'incontro come negli anni passati. Sono certo che sarà una grande partita che coinvolgerà tante persone, non solo i presenti allo stadio ma anche tutti quelli alla tv. Sono certo che sarà un grande incontro, al Quirinale ci sono sostenitori di Juventus e Milan. Io non sono tra questi, devo guardare con ugual simpatia tutte le squadre d'Italia. Vi auguro un grande incontro, siete la punta più avanzata, conosciuta e importante di un grande movimento sportivo. Avete una grande responsabilità: siete il modello a cui guardano le persone. Dai calciatori delle serie inferiori agli amatori fino ai bambini che vi ammirano e vogliono imitarvi. E' una grande responsabilità, quel che hanno detto Buffon e Bonucci è importante: due squadre competono ma devono avere a cuore la correttezza.

Il vostro esempio si riverbera su un numero importante di ragazzi. Penso agli arbitri, ai miei colleghi: quando sono stato eletto Presidente della Repubblica, mi sono paragonato a un arbitro, assicurando la mia imparzialità. Ha dato luogo a un grande applauso ma ho chiesto ai giocatori di dare aiuto, con la loro correttezza. C'è stato anche lì un applauso, con sorpresa. L'arbitro può condurre un ottimo operato in caso di aiuto. Vedo correttezza, durante e dopo il gioco, sono esempi importanti. Abbiamo i migliori arbitri al mondo, guardando quel che accade nelle Coppe, dobbiamo essere contenti degli arbitri e i protagonisti devono aiutarli. Quando l'arbitro non si nota, vuol dire che i protagonisti stanno svolgendo al meglio il loro compito. Il vostro compito è importante, siete un modello di competizione leale per tanti e siete protagonisti animati dai valori citati da Buffon e Bonucci. Spero di riuscire a vederla ma sono certo che sarà un grande spettacolo".