Juve Stabia, Mosti: "La B come lo scudetto del Napoli? No, la nostra impresa più grande"

"Sicuramente mi sono trovato molto bene con lui, è solo grazie a lui che tornai alla Juventus".
13.04.2024 19:15 di  Antonio Noto  Twitter:    vedi letture
Juve Stabia, Mosti: "La B come lo scudetto del Napoli? No, la nostra impresa più grande"
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Nicola Mosti, centrocampista offensivo della Juve Stabia, a qualche giorno dall'aritmetica promozione in Serie B delle Vespe campane dopo quattro anni dall'ultima volta, ha espresso tutta la sua gioia in un intervento nel corso della trasmissione 'Bordocampo', in onda su Radio Capri: "L'entusiasmo è a mille. È stato un viaggio bellissimo, la vittoria del campionato è meritatissima. Il segreto è stata l'alchimia che c'è tra noi ragazzi, lo staff e la gente di Castellammare che ci ha sempre sostenuti".

Un'impresa firmata anche e soprattutto da mister Pagliuca?
"Un allenatore con doti importanti, ti fa lavorare duramente durante la settimana, cura ogni aspetto dal punto di vista tattico, soprattutto dal punto di vista difensivo. Lui dice sempre che gli attaccanti sono i primi a creare una buona fase difensiva, a darle il la".

Possono esserci punti di contatto tra la promozione della Juve Stabia e la vittoria dello scudetto del Napoli un anno fa?
"La nostra è un'impresa un pochino più grande perché il Napoli da anni esprimeva un grande calcio e mancava solo un ultimo step, non riuscivano a vincere perché trovavano la Juventus di turno o per sfortuna; noi invece ci siamo ritrovati a inizio stagione con un gruppo nuovo, uno staff tutto nuovo e così non è mai facile, abbiamo scritto una grande pagina di storia. Ma credo che sia la vittoria dello scudetto del Napoli che la promozione in Serie B della Juve Stabia siano entrambe meritatissime".

Alla Juventus ti ha portato Giovanni Manna, prossimo direttore sportivo del Napoli. Che ricordo hai di lui?
"Sicuramente mi sono trovato molto bene con lui, è solo grazie a lui che tornai alla Juventus. È un dirigente che ha voglia di fare, è giovane e ha grandi competenze. Spero che faccia molto bene al Napoli, me lo auguro per lui e colgo l'occasione per mandargli un saluto".

Per te, invece, quale futuro?
"Grazie alla vittoria del campionato sono diventato di proprietà della Juve Stabia. Sono entusiasta di essere qua e speriamo di fare un grande campionato anche l'anno prossimo in una categoria superiore".