AUDIO - Ex dir. Tuttosport: "Basta parlare di aiutini alla Juve, ha già pagato per il passato!"

Paolo De Paola, ex direttore di Tuttosport e del Corriere dello Sport, è intervenuto in diretta nell'editoriale su TMW Radio. 

17.05.2021 12:20 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
AUDIO - Ex dir. Tuttosport: "Basta parlare di aiutini alla Juve, ha già pagato per il passato!"
TuttoNapoli.net

Paolo De Paola, ex direttore di Tuttosport e del Corriere dello Sport, è intervenuto in diretta nell'editoriale su TMW Radio. 

Il Milan pareggia e riapre la corsa Champions: ora la Juventus spera nel sorpasso all'ultima giornata...
"Questo campionato regala emozioni fino alla fine. La Juventus era quella più indietro, ma adesso il Milan è diventata la squadra più penalizzata dopo questo turno: vincere a Bergamo è molto difficile. Mi auguro che Pirlo non rimanga, neanche se la Juventus vincesse la Coppa Italia e si qualificasse in Champions. Ha fallito". 

Le polemiche sull'arbitraggio di Juventus-Inter:
"Siamo all'ultima partita di Calvarese. Il var non è la moviola in campo, le immagini ferme non dimostrano l'esistenza di un fallo. Calvarese ha sbagliato, è stata una giornata pessima per lui, Mazzoleni e il designatore Rizzoli. Ma non c'è un sistema dietro, non bisogna parlare di aiutino. Bisogna ribellarsi a chi pensa che dietro ogni decisione ci sia un disegno per favorire una squadra. Si fa sempre riferimento al passato, ma gli li scheletri negli armadi sono un po' ovunque. La Juventus su Calciopoli ha pagato, basta, non può pagare ancora. Non capisco l'antisportività, l'odio e l'invidia. Questa deviazione non è accettabile nello sport". 

Sulle proteste troppo evidenti di Chiellini: 
"Le proteste in campo le fanno tutte e Chiellini ha sbagliato, è stata un'esagerazione la sua sabato. Non si può reagire in maniera scomposta al passare degli anni. Ma non è il solo, in ogni squadra ce ne sono due-tre. E poi bisogna fare una campagna stampa contro le simulazioni. I giocatori si buttano a terra e gridano per richiamare attenzione arbitro. Sono pochi gli interventi dolorosi. Cuadrado non è il solo a tuffarsi. Perché Insigne non lo é? Barella e Theo Hernandez non lo sono?".