La grande forza di Spalletti: con i cinque cambi ha sempre inciso grazie a un attacco profondo

Luciano Spalletti finora è riuscito ad incidere praticamente in ogni partita, trovando i gol o un contributo determinante proprio dalla panchina
19.09.2021 10:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    vedi letture
La grande forza di Spalletti: con i cinque cambi ha sempre inciso grazie a un attacco profondo
TuttoNapoli.net
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La scelta di confermare in organico Adam Ounas e Andrea Petagna, inizialmente messi sul mercato dal Napoli per poter rientrare del rosso di bilancio, ha aumentato ulteriormente le scelte di Luciano Spalletti. Se da un lato il tecnico si ritrova con gli uomini contati in alcuni ruoli, a causa anche degli infortuni, in attacco invece ha sei giocatori per il tridente (escludendo Zielinski o Elmas da sottopunta) ed aspetta ancora il rientro di un elemento del livello di Mertens per poter arrivare a sette. E questo, grazie ai cinque cambi ed alla lettura della partita dell'esperto tecnico del Napoli, s'è già tramutato in tantissimi punti.

I CAMBI DI SPALLETTI - Luciano Spalletti finora è riuscito ad incidere praticamente in ogni partita, trovando i gol o un contributo determinante proprio dalla panchina per poter cambiare volto a quelle gare che sembravano decisamente su binari non corretti. Col Venezia ha trovato il gol di Elmas, subentrato all'infortunato Zielinski, e nuove energie per gestire il risultato con l'uomo in meno. Col Genoa addirittura il gol-vittoria di Petagna, dopo l'ingresso di Ounas a riportare l'inerzia a favore degli azzurri. Contro la Juventus di nuovo l'inserimento di Ounas - stavolta all'intervallo - ha spaccato la partita, come accaduto poi Leicester dando quella marcia in più nel momento più difficile e trovando poi l'altro subentrato, Matteo Politano (partito dalla panchina per lasciare il posto a Lozano), a rifinire per il secondo gol di Osimhen. Accontentare Spalletti, almeno sulla profondità dell'attacco, s'è rivelata la miglior scelta per De Laurentiis.