La protesta in Premier League: "Si gioca solo per soldi! Calciatori non ascoltati"

"Noi giocatori siamo stati gli ultimi ad essere ascoltati". ad alzare la voce stavolta è il difensore dell'Aston Villa e della Nazionale inglese Tyrone Mings,
31.05.2020 19:45 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
La protesta in Premier League: "Si gioca solo per soldi! Calciatori non ascoltati"

"Noi giocatori siamo stati gli ultimi ad essere ascoltati". ad alzare la voce stavolta è il difensore dell'Aston Villa e della Nazionale inglese Tyrone Mings, per protestare contro il modo in cui la Premier League ha deciso di ripartire. "Siamo solo prodotti di questo gioco", ha affermato Mings in un'intervista al Daily Mail. "La ripresa è determinata al 100% da motivi finanziari, piuttosto che dalla sicurezza e credo che questo tutti lo sappiano vedere. Sono pronto a giocare perché non abbiamo altra scelta. Come giocatori, siamo stati gli ultimi ad essere consultati, siamo caduti all'ultimo posto nella scala delle priorità. Ci hanno dato il permesso di tornare ad allenarci e ora se la federazione, le Lega, l'Uefa e tutti gli organismi dicono che si torna a giocare, pensate che davvero possa fare la differenza quel che pensano o non pensano i calciatori? A quel punto è solo una scelta: dentro o fuori", ha concluso il difensore.