CorSera - Suarez, i prof intercettati ridono con gli amici: "Gli ho scritto il test, mi ha detto tranchilla..."

Ulteriori retroscena sulla vicenda Suarez arrivano dal Corriere della Sera che cita il giudice per le indagini preliminari Frabotta
05.12.2020 10:15 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
CorSera - Suarez, i prof intercettati ridono con gli amici: "Gli ho scritto il test, mi ha detto tranchilla..."

Ulteriori retroscena sulla vicenda Suarez arrivano dal Corriere della Sera che cita il giudice per le indagini preliminari Frabotta: «Il “favoritismo” che il legale della Juventus rifiuta è solo l’esame da remoto, che sarebbe giuridicamente invalido e quindi non utile per la società calcistica; resta ferma, però, la fittizietà della prova che Suarez sarà chiamato a svolgere a Perugia, con una sessione ad personam e al riparo da occhi indiscreti “in un’aula con fuori tutti per motivi di Covid”».

Le prove della «farsa» sono nelle ammissioni di pressoché totale ignoranza della lingua italiana da parte del calciatore, ammesse dall’esaminatore Lorenzo Rocca con un amico che, la sera della prova, gli dice ridendo: «Ovviamente lui parlerà italiano in una maniera abbastanza singolare, immagino». Rocca conferma, ridendo anche lui: «Sì, italiano para amigos!».

È la stessa ammissione fatta dalla professoressa Stefania Spina, accanita tifosa juventina che nei giorni precedenti al 17 settembre ha tentato di insegnare qualcosa a Suarez. A un’amica confessa, secondo gli inquirenti, il reato di violazione del segreto d’ufficio: «Abbiamo fatto le simulazioni dell’esame... praticamente gli abbiamo dato tutti i materiali (risata) che dovrebbero essere a sorpresa». E a un’altra confida, alla vigilia dell’esame: «Ovviamente noi dovevamo fallo passa’ per B1 (ride)... e allora ho provato... praticamente gli ho scritto il testo... Gliel’ho mandato... Gli ho detto “Luis studia questo... vai lì”, e lui oggi m’ha detto (ride): “Stai tranchilla porché io lo estudio in avion”», e ride ancora".