Mertens, 120 gol e la voglia di Napoli ancora viva

17.02.2020 12:20 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Pierpaolo Matrone per 'Il Roma'
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
Mertens, 120 gol e la voglia di Napoli ancora viva

«Al di là del gol, fa diventare tutto semplice quando viene a legare. Su questo è un fenomeno. E’ furbo, sa come ricevere, come legare. Non sta mai fermo. Ci è mancato tanto perché è un calciatore che abbina furbizia a grande qualità». Musica e parole di Gennaro Gattuso. Destinatario del messaggio d’amore Dries Mertens, il match-winner di Cagliari. L’aveva già elogiato in conferenza stampa e non ha perso occasione di farlo anche dopo il successo in Sardegna che scrolla di dosso ansie e paure. Il migliore in campo, come spesso capita nell’ultimo periodo, è l’attaccante belga che adesso vede l’appuntamento con la storia lì, ad un solo passo. Sta per diventare il miglior marcatore della storia del Napoli e ormai sembra scontato che si laureerà tale nel corso di questa stagione. Alla Sardegna Arena rete numero 120 in azzurro, così sale a -1 da Hamsik. E il Cagliari si conferma una delle sue vittime preferite: 10 gol in carriera, solo al Bologna ha segnato di più. Numeri eloquenti di un campione formidabile.

SVOLTA IN TESTA. Probabilmente è scattato qualcosa dal punto di vista psicologico a ‘Ciro’, come ormai lo chiamano tutti a Napoli. Da apprezzare il suo atteggiamento. Per gran parte del match sembra quasi un allenatore in campo. Dà indicazioni a Fabian al fine di occupare bene l’area, corre da Manolas e lo consiglia sulla costruzione dal basso, prende sotto la sua ala Elmas, spiegandogli come combinare nella metà campo avversaria. E a fine partita si becca il bacio di Insigne, quasi come se fosse da capitano a capitano. Sorprende come nonostante una partita intera passata a dannarsi per tutto il campo in pieno recupero abbia ancora il fiato di andare a pressare Cragno nell’area di rigore, incitando i compagni. Dries ha deciso di caricarsi sulle spalle il Napoli, a prescindere da ogni discorso legato al rinnovo che ancora non arriva.

DI LORENZO STACANOVISTA. Chi, come Mertens, non si ferma mai è Giovanni Di Lorenzo, sempre presente agli ordini di Rino, il calciatore che ha giocato più di tutti, non saltando neanche un minuto da Lecce-Napoli dello scorso settembre. L’ex Empoli è felicissimo del risultato conquistato: «Dà fiducia per affrontare le prossime partite, dobbiamo cercare la continuità di risultati che ci è mancata in questa stagione, non abbiamo subito gol e questo è un fattore importante. Se il Napoli è guarito lo dovremo dimostrare sul campo. Ogni compagno si sacrifica per l’altro, dobbiamo partire da questo atteggiamento. È una cosa importante per tutta la squadra, tutti si sacrificano per non prendere gol».