Osimhen a riposo nel quarto test: i motivi alla base della scelta

Sarà un Napoli più che sperimentale quello che scenderà in campo quest'oggi a Cracovia per il 115esimo anniversario della fondazione del Wisla.
04.08.2021 10:10 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    vedi letture
Fonte: di Antonio Gaito per TMW
Osimhen a riposo nel quarto test: i motivi alla base della scelta
TuttoNapoli.net
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Sarà un Napoli più che sperimentale quello che scenderà in campo quest'oggi a Cracovia per il 115esimo anniversario della fondazione del Wisla. Il secondo test internazionale dell'estate azzurra, ed il quarto complessivamente dopo Anaunia, Pro Vercelli e Bayern Monaco, sembra più un fastidio che un qualcosa di effettivamente utile. Domani inizierà il secondo ritiro, a Castel di Sangro fino al 15 agosto, ed è il momento peggiore probabilmente dell'estate tra giocatori acciaccati, altri di passaggio con la valigia pronta e tanti nazionali che si sono aggregati da pochi giorni e che proseguiranno la loro tabella di lavoro per rimettersi in pari. Tant'è che il tecnico del Napoli ha fatto fatica persino a completare l'elenco dei convocati, che comprende appena 16 elementi, di cui due primavera del 2003, oltre ai 3 portieri.

Non ci sarà neanche Osimhen. Considerando l'infortunio rimediato da Petagna, in un reparto già privo di Mertens ancora per un paio di mesi e con Tutino già con la valigia pronta per Parma (non è stato convocato), Spalletti ha deciso di preservare il nigeriano che fino a ieri ha svolto solo scarico dopo lo sforzo di Monaco. Alla trasferta non prenderanno parte neanche Ounas e Luperto che si sono allenati a parte e Contini per una contrattura (ma è destinato al Crotone). Al suo posto subito inserito tra i convocati Ospina, mentre gli altri nazionali - Fabian e gli italiani Insigne, Di Lorenzo e Meret che si sono uniti ieri - resteranno a Castel Volturno per allenarsi e poi si aggregheranno direttamente domani in ritiro. A Castel di Sangro, infine, il gruppo ritroverà anche Lozano. Un via vai che rende questo test più che altro una passerella in patria per Zielinski.