Ancelotti a Sky: "Subito gol al primo tiro, contano anche gli episodi. Bilancio positivo, poste le basi per crescere. Su Insigne..."

Le sue parole
18.04.2019 23:27 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Ancelotti a Sky: "Subito gol al primo tiro, contano anche gli episodi. Bilancio positivo, poste le basi per crescere. Su Insigne..."

Il Napoli cade anche al ritorno contro l'Arsenal, che si aggiudica il quarto di finale d'Europa League. L'Italia perde anche gli azzurri dall'Europa, ultima squadra rimasta in gioco. Carlo Ancelotti nel post-partita ha parlato a Sky Sport: "La partita è durata 30 minuti, fin lì era stata difficile perché l'Arsenal ha provato a pressare ma abbiamo avuto due opportunità in cui si poteva sbloccare. E' chiaro che in queste partite hai bisogno che gli episodi ti vadano bene, poi c'è stato un calo di fiducia naturale per la situazione che diventava impossibile. Siamo meno profondi e abbiamo difficoltà in fase di realizzazione".

Insigne quand'è uscito non ha avuto una reazione composta. "Era dispiaciuto per la situazione, l'andamento della gara che era negativo. I giocatori ci credevano molto. Lui era scontento. E' per questo, non di certo una cosa legata al fatto che fosse stato sostituito. Ora c'è da guardare avanti, fare bene le prossime, consolidare il secondo posto e pensare ad essere migliori nei prossimi anni".

Cosa è mancato? "Abbiamo perso un pochino di tutto: ordine, lucidità, finalizzazione. Non siamo riusciti a giocare ai livelli che avevamo con Liverpool e PSG, ma questo è anche un momento della stagione un po' così, in cui le squadre fanno fatica ad avere un rendimento ad altissimo livello".

Sull'impostazione della gara: "Era più o meno la stessa dell'andata. Provavamo ad uscire coi tre difensori per provare ad attaccare alle spalle loro. Abbiamo avuto diverse opportunità, con Callejon, Milik. In questo tipo di partite gli episodi devono dare una mano e invece così non è stato perché al primo gol abbiamo preso gol".

Sulle italiane fuori dall'Europa: "La Juventus ci rappresenta bene in Europa, che sia uscita è un caso. Per noi il discorso è diverso, dobbiamo fdare il passo secondo la gamba. Abbiamo investito sul mercato con calciatori giovani che frutteranno. Oggi ad esempio Meret ha fatto un errore di gioventù, ma è un grande portiere. Fabian lo stesso".

Sul bilancio: "Molto positivo, ho trovato un bel gruppo di giocatori, ho una società che mi appoggia, mi tutela. Il mio bilancio è molto positivo. Da qui costruiremo qualcosa di ancor più importante il prossimo anno, tutti insieme. Conosce bene questo mondo, le critiche ci saranno, ma le chiacchiere le porta via il vento".