Udinese-Juve 2002, Pineda rivela: "Mi rifiutai di giocare per non far parte del 'biscotto'"

L'ex Udinese Mauricio Pineda ai microfoni de 'La Nacion' parlando della sua assenza nella gara contro la Juventus proprio del 5 maggio
12.07.2020 18:25 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Udinese-Juve 2002, Pineda rivela: "Mi rifiutai di giocare per non far parte del 'biscotto'"

Lo Scudetto 2001-02, vinto dalla Juventus ai danni dell'Inter con il famoso epilogo del 5 maggio, a distanza di quasi 20 anni continua a far discutere. Ad alimentare le polemiche ci ha pensato l'ex Udinese Mauricio Pineda ai microfoni de 'La Nacion' parlando della sua assenza nella gara contro la Juventus proprio del 5 maggio: "La Juventus, che è una grande squadra, l'hanno fatta retrocedere a tempo debito. Luciano Moggi, che era l'amministratore delegato, era un dio del calcio. Ma è stato condannato e non ha più ricoperto nessuna carica.

Nel 2002 l'Udinese, che si era salvata la settimana prima, doveva affrontare la Juve, che aveva bisogno di vincere la partita per conquistare lo Scudetto. Era l'ultima giornata, vinsero 2-0 e si laurearono campioni, mentre l'Inter di Hector Cuper perse a Roma. Avevo giocato tutte le partite da titolare, ma quella volta non volli scendere in campo, non volevo partecipare al biscotto. Qualche giorno prima dissi di avere un fastidio muscolare. Ora mi chiedono perché ne sto parlando dopo 20 anni, ma non capisco quale sia la sorpresa. Nessuno me lo ha mai chiesto, oltre al fatto che sono scomparso dall’ambiente. Non avrei avuto problemi a dirlo se me lo avessero chiesto prima".