UFFICIALE - Questura, pioggia di Daspo al Maradona: scavalcamento, aggressione steward e possesso coltelli

Il Questore di Napoli ha adottato provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive relativi ad episodi avvenuti al Maradona
04.12.2022 13:30 di Redazione Tutto Napoli.net Twitter:    vedi letture
UFFICIALE - Questura, pioggia di Daspo al Maradona: scavalcamento, aggressione steward e possesso coltelli
TuttoNapoli.net
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport

Il Questore di Napoli ha adottato 8 provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive relativi ad episodi avvenuti in occasione dell’incontro di calcio Napoli-Bologna, disputato lo scorso 16 ottobre presso lo stadio Maradona. In particolare uno, della durata di 6 anni, è stato emesso nei confronti di un tifoso napoletano che, prima dell’inizio della partita, aveva colpito con un calcio uno steward che non gli aveva consentito l’accesso al settore ospiti, pertanto era stato denunciato; un altro Daspo, della durata di 2 anni, è stato adottato nei confronti di un napoletano che era stato denunciato poiché trovato in possesso di un coltello.

Altri 6 Daspo di un anno sono stati irrogati nei confronti di altrettante persone che erano state denunciate poiché resesi responsabili di scavalcamento da un settore all’altro dell’impianto.

Inoltre, un Daspo della durata di 4 anni, è stato emesso nei confronti di ragazzo che, la sera prima dell’incontro di calcio Napoli-Ajax, disputato lo scorso 12 ottobre presso lo stadio “Maradona”, era stato denunciato per possesso di artifizi pirotecnici in occasione di eventi sportivi poiché, nella sua autovettura, gli agenti avevano rinvenuto 4 fumogeni, una lama di 5 cm ed un casco. Altri 10 Daspo di un anno sono stati adottati nei confronti di altrettante persone che, con riferimento allo stesso incontro di calcio, avevano scavalcato più volte dal settore inferiore della curva “B” a quello superiore ed erano state denunciate.

Ancora, 2 Daspo, di 4 e 5 anni, sono stati irrogati nei confronti di due napoletani che, in occasione di una manifestazione svoltasi a Napoli il 23 ottobre 2020 contro le misure di contenimento della pandemia da #Covid19, si erano resi responsabili di gravi disordini venendo denunciati per vari reati aggravati dalla finalità terroristica e dal metodo mafioso.

Infine, altri 5 Daspo, per periodi dai 2 ai 5 anni, sono stati emessi nei confronti di altrettante persone, di cui tre sono state condannate per violazioni in materia di stupefacenti, una per rapina ed una per sequestro di persona e rapina.