Tuttosport su Sarri: "Napoletani lo vedevano come 'Masaniello' contro la Juve, ma non era così..."

"Ha portato la squadra a lottare testa a testa per lo scudetto contro la Juventus più forte di sempre. Non ce l’ha fatta, un po’ anche per colpa sua..."
24.01.2020 09:20 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Tuttosport  su Sarri: "Napoletani lo vedevano come 'Masaniello' contro la Juve, ma non era così..."

"Ha portato la squadra a lottare testa a testa per lo scudetto contro la Juventus più forte di sempre. Non ce l’ha fatta, un po’ anche per colpa sua, che non aveva spento le tv dei calciatori in quell’hotel di Firenze". Scrive così l'edizione odierna di Tuttosport, che parla di Maurizio Sarri e dei suoi anni napoletani: "Era a casa sua, a Varcaturo, con lui c’era il vice ds Giuseppe Pompilio e videro in tv Ancelotti che entrava nella sede della Filmauro, a Roma, dove lo aspettava De Laurentiis. Gli cadde il mondo addosso, perchè sperava ancora che il patron si avvicinasse alle sue richieste. E’ vero, aveva parlato col Chelsea e pure col San Pietroburgo, ma lui rimandò tutto a data da destinarsi. Voleva un Napoli ancora più forte di quei 91 punti, con i quali mai più un’altra squadra non sarà campione d’Italia".

Il quotidiano parla anche del rapporto con i sostenitori azzurri: "Lo vedevano come Masaniello che dava addosso all’odiata Juve, mentre il “Palazzo” di Sarri aveva un’idea diversa: significava vincere lo scudetto. Non l’hanno compreso e non gliel’hanno perdonata di essere entrato nel Palazzo con la maglia bianconera. Lo fischieranno, certo che lo faranno, e lo insulteranno pure, in tanti, dentro e fuori il San Paolo".