Marolda non ha dubbi: “Il centrocampo del Napoli è tra i più forti del campionato”

"Mi auguro che finisca presto quest’altalena di risultati e di emozioni e che si prenda la strada di inizio stagione”.
18.01.2022 21:10 di Francesco Carbone   vedi letture
Marolda non ha dubbi: “Il centrocampo del Napoli è tra i più forti del campionato”
TuttoNapoli.net

Francesco Marolda, storica firma del giornalismo partenopeo, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli.

Su Spalletti: “Mi fido di lui al di là di scelte non sempre condivisibili e me lo tengo stretto. Con il recupero, seppur parziale dal punto di vista atletico, di qualche indisponibile, il Napoli sta sicuramente migliorando. Mi auguro che finisca presto quest’altalena di risultati e di emozioni e che si prenda la strada di inizio stagione”.

Su Zielinski e Fabian Ruiz: “E’ un ragazzo di 27 anni, nel pieno della sua maturità. Ieri, soprattutto, ha smentito tutta una letteratura riguardo al calcio raggiungendo la squadra da solo appena subito essersi negativizzato. Io lo reputo un talento puro. Ogni tanto, pecca di continuità perché, in qualche partita, sembra estraneo per poi accendersi all’improvviso. Il suo apporto continuo, insieme a quello di Fabian Ruiz, è importante. Ieri, lo spagnolo mi è piaciuto molto. Con Lobotka davanti alla difesa, il Napoli ha un centrocampo tra i più forti del campionato“.

Sulla lotta scudetto: “Potremo avere una risposta più chiara il 6 marzo. Il Napoli, a febbraio, ha un calendario in cui dopo il Venezia, affronterà Inter, Lazio e Milan, senza dimenticare le sfide con il Barcellona e la trasferta a Cagliari. Febbraio sarà un mese decisivo. Al di là dei sogni, bisogna avere degli obiettivi alti“.

Sugli allenatori: “Ve ne sono che riescono a recuperare i calciatori che hanno a disposizione con una differenza. Tra Juric e Spalletti, per esempio, preferisco il secondo perché cerca la crescita del giocatore attraverso un gioco di squadra mentre Juric prende la scorciatoia: correre molto e picchiare ripercorrendo il credo di Gasperini“.