Finisce qui. Forse è arrivato il momento di trovare nuovi stimoli. Parta la “primavera ancelottiana”

18.04.2019 23:33 di Francesco Molaro Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Finisce qui. Forse è arrivato il momento di trovare nuovi stimoli. Parta la “primavera ancelottiana”

Finita anche la corsa europea. Il Napoli ad aprile alza bandiera bianca e lascia dopo il campionato, la coppa Italia anche l’Europa. Finisce un sogno, finisce la stagione legata ai trofei dopo aver tentato la scalata alla Coppa Uefa e resta la magra consolazione di aver mantenuto il secondo posto in Campionato. Certo bisogna ancora conquistarlo ma almeno la qualificazione Champions è dietro l’angolo. Commentare dopo una sconfitta non è facile ma si è arrivato ad un punto di non ritorno. Ora bisogna rifondare e se ci deve essere l’estate Ancelottiana deve partire a mezza primavera. La partita sembra essere anche bella all’inizio. Il Napoli ci prova, c’è un fuorigioco che grida vendetta, forse millimetrico. Milik aveva fatto un gran gol. Il Napoli ci prova ma senza quel furore che ti aspetti. La squadra sembra spenta. Poi l’Arsenal segna. Lacazette indovina l’angolo ma Maret non è esente da colpa. Il tempo passa ma il Napoli non riesce a trovare la giocata. Leziosi, lenti, poco incisivi. La ripresa resta tale. Il Napoli alza il baricentro Ancelotti mette Mertens ma non cambia la musica, il tempo passa ma non si trova neanche il gol del pareggio. Sbagliano Callejon, Insigne, Fabian, sbagliano tutti. Entra Younes, esce Insigne che viene anche fischiato. Il capitano è nervosissimo, quasi non riesce ad uscire dal campo, fa un sorrisetto ad Ancelotti. Younes ci prova a dare vivacità ma l’Arsenal è schierato benissimo. Chiude tutto e riparte anche. C’è poco da dire, il Napoli si spegne piano piano. Il tempo finisce e finisce anche questa stagione. Bisogna capire ora se la squadra reggerà l’impatto delle prossime settimane e la società deve ora darci spiegazioni sul futuro, anche dire quali sono i nostri limiti e i nostri reali obiettivi. Restare tra le prime quattro? Bene, basta ci venga detto perché i tifosi del Napoli non meritano questo.