UEFA, entro mercoledì la sentenza sulla Juve e la Superlega: ADL attende con diplomazia

Sono attese nei prossimi giorni le sanzioni che la UEFA potrebbe infliggere ai tre club ancora presenti nella Superlega: Juventus, Barcellona e Real Madrid.
06.06.2021 14:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    vedi letture
UEFA, entro mercoledì la sentenza sulla Juve e la Superlega: ADL attende con diplomazia
TuttoNapoli.net
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport

Sono attese nei prossimi giorni le sanzioni che la UEFA potrebbe infliggere ai tre club ancora presenti nella Superlega: Juventus, Barcellona e Real Madrid. Dalla sede svizzera dell'Uefa continuano ad arrivare in questo senso segnali abbastanza chiari, con il numero uno Alexander Ceferin che spinge per la linea dura. La vicenda è seguita ovviamente con molto interesse anche dal Napoli, che è arrivato quinto in classifica in campionato e avrebbero dunque la possibilità di essere ripescati, in caso di punizione per i bianconeri. Ma i rapporti tra i due club sono tornati ottimi e pure per questo Aurelio De Laurentiis ha scelto per il momento di rimanere in una posizione defilata.

Come riporta Repubblica la giustizia farà il suo corso e il Napoli si limiterà a seguire l'evoluzione degli eventi, che avrà quasi sicuramente una brusca accelerazione in settimana. Alle porte c'è infatti l'inizio dei Campionati Europei e l'Uefa non vuole che la sentenza sul caso Juventus (in cui sono coinvolti anche il Real Madrid e il Barcellona) si sovrapponga all'imminente inizio del torneo. Tra martedì e mercoledì potrebbero esserci quindi già delle novità, per affrettare i tempi, anche se ovviamente si tratterà solo del primo grado di giudizio: parziale. È certo che in caso di squalifica i tre prestigiosi club faranno ricorso e si profila un'estate rovente nei tribunali sportivi e ordinari, con la vicenda che sembra destinata ad arrivare davanti al Tas di Losanna, se non addirittura oltre. De Laurentiis ne è consapevole e per questo non prenderà alcuna posizione ufficiale, in merito. Si sa solo che il presidente non è molto ottimista sul possibile ripescaggio in Champions League degli azzurri e infatti si sta muovendo sul mercato senza tenere conto di questa eventualità.