Caso Koulibaly, Florenzi si schiera: "Non vorrei mai che mia figlia ascoltasse quegli ululati allo stadio"

Terzino, 'razzismo? è un'emergenza, ma non generalizziamo'
08.01.2019 23:10 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 23339 volte
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA

(ANSA) - ROMA, 8 GEN - "Stiamo riprendendo pedine importanti che ci sono mancate in questo autunno. Siamo rimasti un po' corti per alcuni infortuni che abbiamo avuto e che adesso stiamo riprendendo. Poi ovviamente c'è la società che fa il suo lavoro e decide se è il caso o no di rafforzare la Roma". Così Alessandro Florenzi sulla possibilità che la società giallorossa intervenga sul mercato per rinforzare la rosa. Il n.24 si è poi soffermato sulla corsa alla zona Champions League: "Non dobbiamo precluderci niente fino a quando la matematica non ci condanna. Dobbiamo iniziare a vincere partita dopo partita per raggiungere l'obiettivo di quest'anno che è quello di qualificarci. Arrivarci da quarta o terza può cambiare, l'importante è arrivarci". Sul razzismo nel calcio, tornato alla ribalta dopo Inter-Napoli, Florenzi è chiaro: "È un'emergenza. Quando mia figlia viene allo stadio a vedermi non vorrei mai che sentisse gli ululati per un giocatore - dice -. Detto questo, dei tifosi non facciamo di tutta l'erba un fascio".