Inter, Conte: "C'è stato un via vai che mi ha penalizzato, ma abbiamo lavorato tanto"

Dopo il derby vinto contro il Milan, il tecnico dell'Inter Antonio Conte ha parlato ai microfoni di DAZN
21.09.2019 23:30 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di ALBERTO LINGRIA
Inter, Conte: "C'è stato un via vai che mi ha penalizzato, ma abbiamo lavorato tanto"

Dopo il derby vinto contro il Milan, il tecnico dell'Inter Antonio Conte ha parlato ai microfoni di DAZN: "Iniziamo a dire che era un derby. Come ho detto ieri, i derby sono sempre partite speciali e non sono mai facili da vincere specie se si affrontano squadre titolate come il Milan. C'è grande soddisfazione, abbiamo disputato una grande partita dopo una prestazione che ci ha lasciato amaro in bocca in Champions. Penso che questa prestazione in Champions ci abbia dato carica per affrontare il derby nella maniera giusta. Sono contento per i ragazzi e per i tifosi perché il derby è sempre il derby".

Lukaku?
"Penso che siamo di fronte ad un ragazzo di 26 anni arrivato qui grazie alle sue potenzialità. E' un ragazzo che se lavorato bene è un giocatore molto importante. Abbiamo tanti ragazzi, lui ne ha solo 26, Lautaro ne ha soltanto 22. L'importante è che da parte loro ci sia disponibilità ed è per questo che sono soddisfatto per le quattro vittorie. Lo sono meno dell'inizio in Champions".

Pace in campo fra Lukaku e Brozovic?
"Averne di problemi con gente come Brozovic e Lukaku. Io a volte mi arrabbio un po' con loro perché sono troppo bravi e in campo a volte bisogna essere più smaliziati. Questo è un gruppo sano, se a volte questo accade ben venga. Vuol dire che scorre sangue nelle vene di tutti, mi è successo tante volte".

Un'Inter già in forma?
"Abbiamo lavorato tanto in questi due mesi. C'è stato poi un via vai che un po' mi ha penalizzato. Al tempo stesso dico che c'è un'idea in fase di possesso e in fase di non possesso. Oggi abbiamo pressato in maniera importante, da squadra. Testimonianza che c'è un lavoro dietro. Per me era il mio primo derby e ci tenevo a fare bella figura".