Juve, che disastro Higuain: risoluzione e minusvalenza da 18 mln

La Juve si prepara a salutare l'attaccante argentino, che a bilancio porterà una minusvalenza da 18 milioni per il club bianconero
11.09.2020 12:50 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Juve, che disastro Higuain: risoluzione e minusvalenza da 18 mln

Addio a Gonzalo Higuain. La Juve si prepara a salutare l'attaccante argentino, che a bilancio porterà una minusvalenza da 18 milioni per il club bianconero. Ne parla l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport: “La Juve, dal canto suo, ha riconosciuto all’attaccante una buonuscita su per giù del 50% dello stipendio netto (7,5) firmato dal Pipita quattro anni fa, che pesava come un macigno sui conti della società, che per lui deve ingoiare una minusvalenza pari all’ultimo anno di ammortamento del cartellino (18 milioni).

Così, il bilancio 2019-20 potrebbe avere una perdita vicina ai 90 milioni, anziché i 70 stimati. Il club, nel cda di oggi, potrebbe effettuare una svalutazione anche per alleggerire il 2020-21″.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

“#Higuain, vali zero”. Gli ha praticamente detto questo la #Juve, che non vede l’ora di firmare la risoluzione contrattuale con un calciatore che nell'estate del 2016 aveva valutato 94 milioni (nel mezzo, prestiti vari e tentativi disperati di piazzarlo come fosse un mobile d’antiquariato). Finisce così, la parabola del Pipita. Centravanti sublime, uomo dalle scelte discutibili. Forse se lo merita, perché la vita prima o poi ti chiede il conto. Un conto che non puoi pagare con il denaro, un vuoto che non sempre puoi riempire con gli zeri sul conto in banca. C’è uno ZERO che adesso brucia come sale su una ferita. Quello di una valutazione che pare essere un marchio ad eterno, l’ultima onta prima di imboccare il viale del tramonto. Dice di non essersi pentito di essere andato alla #Juve. Ma di bugie ne ha raccontate così tante, che questa volta più delle altre, facciamo fatica a credergli.

Un post condiviso da Arturo Minervini (@arturo_minervini) in data: 11 Set 2020 alle ore 2:28 PDT