ESCLUSIVA – Lobotka in stand-by, ma era lui il sostituto di Jorginho: come cambia il centrocampo

18.06.2018 17:49 di Mirko Calemme Twitter:   articolo letto 37229 volte
© foto di J.M.Colomo
ESCLUSIVA – Lobotka in stand-by, ma era lui il sostituto di Jorginho: come cambia il centrocampo

(di Mirko Calemme) - Nei prossimi giorni dovrebbero definirsi due operazioni fondamentali per il centrocampo azzurro: la cessione di Jorginho al Manchester City (per circa 50 milioni) e l’acquisto di Fabian Ruiz dal Betis (che costerà i 30 milioni della sua clausola rescissoria). Si potrebbe definire, quindi, lo spagnolo come l’immediato sostituto dell’italobrasiliano. In realtà, non è esattamente così: il ruolo naturale di Fabian è quello di mezzala, sa adattarsi come regista, è giovane e può imparare, ma lui e Jorginho sono calciatori molto diversi.

Come vi abbiamo rivelato nei giorni scorsi (clicca qui) in caso di addio di Jorginho il Napoli aveva messo in allerta Stanislav Lobotka del Celta Vigo: i primi contatti con lo slovacco risalgono addirittura ad aprile, e al ragazzo fu promesso che, se l’ex Verona fosse andato via, il suo acquisto sarebbe stato sicuro. Il doppio colpo, ovviamente, ora resta realizzabile solo nel caso in cui ci fossero due cessioni e quella di Hamsik, in questo momento, sembra meno probabile rispetto ai giorni scorsi.

Per carità, la volontà del capitano resta quella di volare in Cina e guadagnare il triplo rispetto al suo attuale stipendio,ma le offerte pervenute non soddisfano De Laurentiis, che non ha intenzione di regalare uno dei migliori centrocampisti europei. Proprio per questo, secondo quanto raccolto da Tuttonapoli, in questo momento l’operazione Lobotka si trova in stand-by: l’entourage del calciatore ha ammesso i sondaggi, ma aggiunto che, almeno per ora, la trattativa non è entrata nel vivo con un’offerta concreta né al giocatore né al Celta, che accetterebbe circa 30 milioni di euro nonostante la clausola rescissoria da 50. Tutte le parti in causa sanno del forte interesse partenopeo, ma il colpo, finora, non è stato affondato.

Semplice: senza l’addio di Hamsik non avrebbe senso acquistare un altro calciatore e sovraffollare quel settore del campo. Perché, dunque, lanciarsi su Fabian, che in teoria era il sostituto di Marek, e non su Lobotka, che era stato scelto come ricambio per Jorginho? Dimaro è lontana e siamo sul campo delle ipotesi, ma la sensazione è che il Napoli potrebbe puntare, con Ancelotti, sul 4-2-3-1. Per questo, l'acquisto di un regista puro come lo slovacco non è più indispensabile: l’investitura di De Laurentiis fa pensare ad un ruolo da titolarissimo per Zielinski, che giocherebbe nel tridente dietro l’attaccante con Allan e Diawara davanti alla difesa. I tre si alternerebbero con Fabian Ruiz, Hamsik e Rog: un sestetto di centrocampo con gioventù, quantità e qualità da vendere. Se, invece, il capitano dovesse riuscire a realizzare il suo ‘sogno cinese’, allora la pista Lobotka si riaccenderebbe e gli scenari potrebbero ulteriormente cambiare. Servirà ancora qualche giorno di pazienza: le sorprese, con due mesi di mercato all’orizzonte, saranno ancora molte.